english | русский
 

 

Per rispondere alle diverse esigenze degli utilizzatori abbiamo sviluppato 2 tipologie di impianti sotto vuoto: gli essiccatoi "Ventilati" (mod. ESV) e gli essiccatoi "A piastre" (mod. ESP).

La scelta dell'impianto di essiccazione e' fatta in base alla tipologia di prodotto da trattare e al grado di umidita' finale desiderata.

 

 

VENTILATI A VUOTO DISCONTINUO (ESV)

Sono più veloci rispetto agli essiccatoi convenzionali tipo kiln ed inoltre con questo tipo di impianti si riesce ad ottenere una umidita' finale compresa tra il 15 e il 12%. Sono particolarmente indicati per l'essiccazione di tavole di legno.

  essiccatoio sottovuoto ventilato per legno
       

A PIASTRE A VUOTO CONTINUO (ESP)

Questo tipo di essiccatoi garantiscono tempi di essiccazione ancora pu' rapidi rispetto ai modelli ESV. Con essi si riesce ad ottenere una essiccazione fino al 7%. Sono particolarmente indicati per l'essiccazione di semilavorati, ma possono essiccare anche tavole di legno.

  essiccatoio sottovuoto con piastre riscaldanti per legno
 
 
 
 
 
 
 

 

L'efficiente tecnologia di essiccazione sottovuoto WTMVAGLIO

DESCRIZIONE

Il principio fondamentale che sta alla base dell'essiccazione sotto vuoto e' che quando il legno e' posto sotto vuoto, l'acqua nel legno va in ebollizione ed esce rapidamente da esso a temperature inferiori a 100 °C (45°C a –700 mmHg).

Negli essiccatoi e' possibile controllare i parametri climatici fondamentali per l'essiccazione: umidita' del legno ed EMC della camera, temperatura del legno e del fluido riscaldante, velocita' dell’aria. Questi parametri vengono fatti variare secondo opportune schedule di essiccazione preimpostate e frutto di decenni di esperienze con i più svariati tipi di legno.


La durata e' da qualche giorno a qualche settimana, a seconda di:
- specie legnosa, durame/alburno
- spessore dei segati
- umidita' iniziale dei segati
- metodo di essiccazione e tipo di ciclo adottato
- umidita' finale desiderata

L'obiettivo dell'essiccazione e' quello di far uscire dal legno l’acqua in eccesso quanto piu' possibile rapidamente (ed economicamente), evitando pero' che insorgano e restino eccessivi gradienti di umidita'.

 

 
 

PERCHE' ESSICCARE IL LEGNO CON IL VUOTO?

      I VANTAGGI
 

- Tempi rapidi di essiccazione: fino a 20 volte più veloce rispetto agli essiccatoi convenzionali;

 

 

- Riduzione dei costi energetici fino al 50% rispetto all'essiccazione convenzionale: tempi rapidi e temperature basse minimizzano la perdita di calore dalle camere di essiccazione sottovuoto;

 

- Elevata uniformità nel grado di umidità finale;

 

- Alta qualità del legno essiccato: minori fessurazioni e spaccature (grazie alle temperature basse); minore stress interno (grazie ai più bassi gradienti di umidità);

 

 

- Non c'è scolorimento del legno: essiccare in assenza di ossigeno o con poco ossigeno evita l'ossidazione di alcuni componenti naturali del legno. I legni preziosi mantengono inalterate le loro splendide venature;

  - Assenza di emissioni nocive nell'aria (COV=componenti organici volatili): il processo di essiccazione sottovuoto avviene all'interno di un'autoclave completamente ermetica.